Bio


Francesco SchiavulliFrancesco Schiavulli

Bari,1963

La sua ricerca, espressa attraverso fotografia, video, installazioni, disegno e colore, nasce dal teatro ed è dedicata prevalentemente allo studio del corpo. Dall’esordio pittorico – una ritrattistica asciutta che mostra una sofferta partecipazione al tema sociale – giunge ad una pittura dal cromatismo acceso, negata poi del tutto nei “quadri neri”. Si spinge alla conoscenza maniacale del corpo attraverso I suoi dettagli (II misuratore di orecchie) e, con i progetti multimediali recenti, arriva ad indagare l’identità umana e le emozioni, con l’obiettivo di porre altri ritmi e percezioni rispetto alle convenzioni: ciò è esemplificato dalle ingombranti ‘macchine’ interattive in legno di risulta (VersoXverso, presentato per la prima volta alla Manifattura Tabacchi di Bari), esposte in performance partecipate. In seguito realizza S.O.S.TE, installazione multimediale che si compone di cinque video e quattro manufatti in ferro tubolare, in cui si cela il mistero del verde, il verde che sta all’interno del corpo umano, nascosto nelle viscere, nella mente, nella malattia. Per La libreria del professore, complessa installazione nell’ambito di “Intramoenia Extra Art” nei Castelli di Puglia, l’artista si fa “misuratore del marxismo”, costruendo un viaggio casuale, emozionale e concettuale nell’universo del pensiero materialista. La sua produzione è minima per numero ma intensa e spesso si caratterizza per il suo essere in progress. Riconoscimenti istituzionali recenti sono l’acquisizione della scultura-bassorilievo Il senso della vita perla Facoltàdi Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Bari e la selezione. operata dall’Apulia Film Commission, del video La passerella, passeggiata visionaria sul lungomare di Bari. Artista particolarmente schivo, ha rivelato in toto la propria intima personalità, oltre che la versatilità nell’uso del linguaggio cinematografico e documentaristico, nel video del 2009 – autorizzato e condiviso dal grande artista belga – Thanks, omaggio all’angelo Jan Fabre, presentato nell’ambito di “SUPER sentieri neobarocchi tra arte e design a Lecce” per “Puglia-Circuito del Contemporaneo”.

In seguito partecipa al prestigioso festival Zwart organizzato a Zwolle, in Olanda,  dove riceve anche l’invito da parte del Museum De Fundatie ad esporre le opere di VersoXverso. Nel 2010 riceve l’invito da Achille Bonito Oliva a partecipare alla mostra internazionale “Da Sopra, Giù Nel Fossato”, realizzata nei fossati del Castello Svevo di Bari, nello stesso anno partecipa alla mostra “Invito all’opera”, a cura dello stesso Bonito Oliva, nella galleria Il Ponte Contemporanea di Roma. Riceve l’invito da parte della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a Mare a partecipare alla mostra Sud Generation, con un’opera realizzata per l’occasione, “Il Trespolo di Claudio Mirel”.

Partecipa alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, nella mostra “Pino Pascali, Ritorno a Venezia”, nello stesso anno, con una installazione “Dimore” espone nella sezione della Regione Puglia del Padiglione Italia nell’ambito della 54. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia.

Conla Fondazione MuseoPino Pascali in collaborazione conla Regione PugliaAssessorato al Mediterraneo Cultura e Turismo,la Fondazione Gramscidi Puglia e il Ministero della Cultura del Montenegro, partecipa alla mostra d’arte contemporanea a Cetinije presso il Museo Nazionale d’Arte Moderna ubicato nel Palazzo Reale.

Nel 2012 viene invitato a partecipare, con la performance, “Il Trespolo di Claudio Mirel” all’8 Festival Internazionale di Danza Contemporanea, Venezia, Biennale 2012.

Francesco Schiavulli

Bari,1963

His research, expressed through photography, video, installations, drawing and color, stems from theatre and mostly focuses on the study of human body. A painter initially – a sober portraiture, featuring a sorrowful sharing of social issues – he then developed a bright colored painting, completely denied, later, in his “black paintings”. He devoted himself to a maniacal knowledge of body details (II misuratore di orecchie), while his most recent multimedia projects focus on the analysis of human identity and emotions with the purpose to introduce new and unconventional rhythms and perceptions; all this is embodied in his imposing interactive wooden ‘machines’ (VersoxVerso. Presented for the first time at the Manifattura Tabacchi inBari), shown during interactive performances.

Then realizes S.O.S.TE, multimedia installation that consists of five video and four tubular steel structures, in which lies the mystery of the green, green that is inside the human body, hidden in the bowels, in the mind, in the disease.

For La libreria del professore, a complex installation created for “Intramoenia Extra Art” in the Castles of Apulia, the artist turns into a “measurer of Marxism”: since he conceives an accidental, emotional and conceptual journey across the universe of materialism. Though consisting of few works, his production is yet intense and often in progress. Among the most recent institutional acknowledgments, the acquisition of the sculpture/bas-relief  Il senso della vita by the Faculty of Medicine and Surgery of theUniversityofBariand the selection of his videoLa Passerella.a visionary walk alongBari’s promenade, by the Apulia Film Commission A very reserved artist. he revealed his true personality as well as a versatile use of the language of cinema and documentary, in the 2009 video Thanks, omaggio all’angelo Jan F abre – authorized and shared by the great Belgian artist – presented during “SUPER sentieri neobarocchi tra arte e design aLecce” for “Puglia-Circuito del Contemporaneo”.

later will attend the prestigious festival Zwart, organized inZwolle, inHolland, where also receives an invitation from the Museum De Fundatie to exhibit the works of VersoXverso.

In 2010 receives the invitation by Achille Bonito Oliva to participate in the international exhibition “Da Sopra, Giù Nel Fossato”, made in the ditches of the Svevo Castle of Bari, in the same year participates in the exhibition “Invito all’opera”, curated by Bonito Oliva, in the gallery Il Ponte Contemporanea in Rome.

Receives the invitation from the Fondazione Museo Pino Pascali in Polignano a Mare to participate in the exhibition Sud Generation, with a work created for the occasion, “Il Trespolo di Claudio Mirel”.

Participates in the 54. International Art Exhibition of the Biennale di Venezia in the exhibition “Pino Pascali, Ritorno a Venezia”, in the same year, with the installation “Dimore” exhibits, in the section of the Puglia Region of the Italia Pavilion within the 54. International Art Exhibition of the Biennale di Venezia.

With the Museum Foundation Pino Pascali, in collaboration with the Region of Puglia Department of Mediterranean Tourism and Promotion, the Gramsci Foundation ofPugliaand the Ministry of Culture ofMontenegroparticipates in the exhibition of contemporary art in Cetinije at the National Museum of Modern Art located in theRoyalPalace.

In 2012 he is invited to participate, with the performance, “Il Trespolo di Claudio Mirel” to the eighth edition of the International Festival of Contemporary Dance, Venezia, Biennale 2012.

Comments are closed.